Progetta un sito come questo con WordPress.com
Crea il tuo sito

Amiche da grandi

{Donne e L i b r i}
Recensione di Alessia Finco

Buongiorno cari seguaci del blog Woman and the City,
Oggi, grazie alla generosità di Roberta Ciapparelli vorrei cogliere l’occasione per parlarvi (con pizzico d’orgoglio) del mio ultimo libro intitolato “AMICHE DA GRANDI”, edito dalla Jack Edizioni.
Già dalla scelta di una copertina rosa shocking ho voluto far capire al lettore quale fosse il genere letterario da me trattato, ossia: il rosa comico.

amichedagrandi
amichedagrandi

Come ho spiegato in diverse interviste e presentazioni “Amiche da Grandi” pone l’accento su tutti quei rapporti che trovano la forza di sbocciare in età adulta.
Raggiunta una certa maturità ogni essere umano impara a capire che cosa sia ancora disposto ad accettare da parte degli altri e cosa no.
Un  filtro selettivo che ci permette di tenere vicine solamente quelle persone in grado di renderci felici, no, non si tratta di “essere stronzi” ma di legittima difesa.

Questo è quanto accade a Dafne e Gisella, due eroine dei tempi moderni che in un momento di autentica disperazione arriveranno a capire l’inestimabile valore di una “sana” amicizia.
È davvero confortante sapere che al mondo possa esistere qualcuno di cui fidarsi ciecamente.

Tra una lacrima e numerose risate ho raccontato anche della mia personale visione della morte.
Sono sicura infatti che chi ci lascia continui comunque a restarci accanto, verità più volte sperimentata sulla mia pelle.
Ogni giorno dall’aldilà ci arrivano da parte dei nostri defunti innumerevoli segni, per coglierli però bisogna imparare ad aprire il cuore tornando a notare le piccole cose che ci circondano.
Siamo così assuefatti della tecnologia e dai social, distratti dagli impegni e stanchi delle circostanze da aver indurito involontariamente l’ anima.
Una canzone che passa alla radio, la frase di libro, una sasso a forma di cuore, una piuma e strane coincidenze, sono solo alcuni esempi di come essi comunichino con noi.
A chi si senta scettico davanti a tali affermazioni va la mia comprensione perché anch’io per un lungo periodo lo sono stata.

“AMICHE DA GRANDI” è un libro adatto a tutti, scritto in maniera semplice e genuina, dove contano di più i sentimenti provati durante la lettura che la forma stilistica.

Ora vi saluto, augurandovi una buona lettura e vi aspetto alla prossima recensione!

Pubblicità

Madreluna

Buongiorno!
Oggi vi presento Antonella Giordano fondatrice dell’attività Madreluna, uno spazio sacro e trasformativo per le donne.

madreluna

✔️ Curiosando nei suoi account e sul web, possiamo leggere che Antonella è una Coach Naturopata Doula, quindi le chiedo di raccontarci un po’.
Racconta che sono anni che si occupa di donne, partendo dal supporto alle mamme, e negli anni tra formazione ed esperienze personali, ha allargato le sue competenze, decidendo così di metterle al servizio delle altre donne che si vogliono riconnettere con se stesse.

Aiuta le donne a Ri-nascere, “trasformarsi da “inadeguate” a potenti, a riconnettersi con il proprio potere personale e femminile”: grazie agli strumenti acquisiti negli anni, accompagna le donne a riconoscersi protagoniste della loro vita, e a star bene con se stesse in tutte le fasi della loro vita.
Le aiuta ad avere una maternità serena, a rimettersi in piedi dopo una separazione, a riconnettersi con il proprio intuito e il piacere, a trovare la proprio missione di vita e a seguirla fino a farla diventare un progetto concreto.

“In quanto Toro ascendente Pesci, ho un lato pragmatico e uno spirituale, per cui i temi che tocco portano tutti alla guarigione del femminile, ma sempre con un approccio concreto. Ad esempio nei miei percorsi di coaching c’è sempre una sessione in cui facciamo un vero e proprio piano d’azione, perché prima approfondiamo l’essere e poi il fare”.

“Sono coach, quindi aiuto le donne ad andare da un punto A ad un punto B desiderato, sono naturopata, quindi sostengo le donne con rimedi naturali e consigli di stile di vita sano, e sono doula, una figura di accompagnamento empatico e pratico durante la maternità”.

Tre qualifiche che le permettono di tagliare su misura i percorsi che fa con le sue clienti, mettendo a loro disposizione tutti questi strumenti per far si che si possano realizzare in ogni fase di vita.

✔️ Curiosando sul suo profilo Instagram, rimango colpita da questa frase: “alla scoperta del potere femminile”. In che modo?
“Perché credo che le donne siano sminuite dalla nostra società e si sminuiscano”.
Invece le donne sono una potenza fenomenale, che han solo bisogno di essere valorizzate e potenziate, ma soprattutto riconosciute.
Mi dice che “per me infatti potere femminile significa sentire, pensare agire in linea con la propria essenza”; oltre che conoscersi come essere ciclico e non lineare, come portatrice di gioia e grazia, e non solo come vittima e martire; “significa vedere tutti i lati di se stesse e saperli gestire. Significa essere soddisfatte di quel che si è e di ciò che si porta nel mondo”.

✔️ Le chiedo quando è nata la sua “passione” per questo mondo.
Racconta che ha sempre avuto interesse per questo mondo, “potrei dire che è nata con me”.
Non avere una famiglia del “mulino bianco”, l’ha portato a interrogarsi molto su se stessa, e sul ruolo delle donne nella famiglia, fin da piccola giocava con i tarocchi e le erbe; ma quel che ha fatto nascere tutto è stata la sua fase di “amenorrea” (assenza di mestruazioni), che è durata circa due anni, che le ha fatto capire, prima per se e poi per le altre donne, che qualcosa non funzionava.

Dopo aver avuto risposte poco rassicuranti dalla medicina, ha deciso di cercare di capire qualcosa, prendendo in mano la sua salute, contattando i professionisti giusti, oltre ad una ricerca sull’alimentazione, la comprensione del suo essere ciclica e non lineare, e l’uso dei rimedi naturali.
È iniziato tutto lì: poi anche partorendo i suoi figli in casa, “ho fatto un altro passo verso la mia piena consapevolezza di donna e madre, e ho continuato così fino ad oggi, nel quale dedico ogni mio secondo al supporto alle donne”.

✔️ Non mi resta che domandarle cosa l’ha portata a sceglier di diventare coach.
“Bellissima domanda, grazie! Perché mi permette di mettere la ciliegina sulla torta!”.
Dopo aver fatto formazione come doula e naturopata, e la nascita della sua seconda figlia, ha sentito il bisogno di approfondire un aspetto che notava fosse centrale con le sue clienti: l’ascolto delle proprie emozioni.

“Vedevo infatti che potevo consigliare vari rimedi naturali, aiutare con vari suggerimenti, ma se non cambiava qualcosa a livello di ESSERE nelle mie clienti, il click per farle sentire davvero bene non avveniva…”.

Quindi ha deciso di formarsi come coach al femminile, perché lo riteneva essenziale per la riuscita del percorso fatto insieme alle donne che le si rivolgevano.
“In questo modo ora sono in grado di creare uno spazio sacro e non giudicante per far aprire davvero le donne e andare al cuore della questione”.

Questo percorso le ha dato possibilità di integrare alcuni strumenti “magici” nel suo lavoro, come le carte oracolo e i tarocchi, utili per sbrogliare matasse mentali e arrivare all’intuito, all’ascolto della propria anima: “perché il mio modo di fare coaching è proprio un approccio che tiene in considerazione l’essenza profonda della donna, in ogni fase della sua vita”.

➡️ Ed ecco tutte le info per andare a curiosare quel che fa, e anche per scriverle.
Prevede corsi di coaching al femminile “per trasformare i sogni in progetti concreti, essere sostenuta nel periodo della maternità (gravidanza, parto e puerperio), far pace con l’ipersensibilità per farla diventare un punto di forza, riconnessione con la propria ciclicità mestruale e lunare, connessione con il piacere femminile…è un coaching empatico e trasformativo cucito su misura sull’obiettivo che mi porta la donna”.

Web www.madreluna.it
IG: @madreluna.it
FB: Madreluna
Canale Telegram: Madreluna
Spotify e Soundcloud: Madreluna

madreluna
madreluna

Le Madames di Renata Proietti

Buongiorno!!!
Oggi vi presento Renata Proietti e le sue Madames.
Ci siamo conosciute mesi fa ad un workshop delle stupende Waxewul: una donna meravigliosa, dalle piacevoli chiacchiere, e un animo stupendo.

renataproietti

✔️ Mi racconta che la sua vena artistica non le è mai mancata, ma le Madames sono arrivate insieme ad una sua lunga convalescenza per un grave motivo di salute: “non riuscendo a smettere, in quanto era l’unica cosa che potevo fare senza stancarmi , ci ho messo l’anima”.
Ha iniziato così a creare lampade, pezzi unici, dipinte interamente a mano libera, ognuno di loro ha un nome e un significato, “portano con se, il mio tempo, ore e ore immersa tra musica e colori, ispirata da meditazioni e preghiere”.

✔️ Non potendo più svolgere la sua attività lavorativa come prima, ha fatto tesoro di questo, che è anche diventata l’unica possibilità per la realizzazione del suo sogno per suo figlio Gabriele: realizzare una piccola fattoria con coltivazioni in Africa, per aiutare sia lui che altri ragazzi del posto, un progetto di integrazione, poter lavorare tra amici e una famiglia, insieme a chi ti ama e ti supporta, senza problemi di stress e tempo, e divertendosi in compagnia.

“Ho avuto questo grande regalo dalla vita, e da mamma ce la metterò tutta!”

➡️ Ma ecco i suoi riferimenti, andate a curiosare:
Ig renata_proietti_creation
Fb Renata Proietti

renataproietti
renataproietti
renataproietti
renataproietti
renataproietti
renataproietti
renataproietti
renataproietti
renataproietti
renataproietti
renataproietti
renataproietti
renataproietti
renataproietti
renataproietti
renataproietti
renataproietti
renataproietti
renataproietti
renataproietti
renataproietti



  • Post
  • Block

Summary

VisibilityPublic

PublishToday at 8:21 am

URLwomanandthecity.art.blog/2022/11/13/le-madames-di-renata-proietti/Stick to the top of the blogAUTHORRobiCMove to trash

24 Revisions

Categories

Tags

Featured image

Excerpt

Discussion

Open publish panel

  • Post
renataproietti
renataproietti
renataproietti
renataproietti
renataproietti
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: